Esplora Menu Search Cerca
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Stradella: artisti della fisarmonica

La storia della fabbrica Dallapè e del Museo della Fisarmonica

Lascia un commento

Un grande personaggio di Stradella è senza dubbio Mariano Dallapè, che ha una storia incredibile. Siamo nella seconda metà del 1800, Mariano è trentino, poverissimo, e parte a piedi per andare a Genova e da lì imbarcarsi per l’America a cercare fortuna. Ma a Genova lavora per guadagnarsi il viaggio e si infortuna gravemente: resta zoppo e deve rinunciare al sogno americano. Torna tristemente verso casa, in Trentino, guadagnandosi da mangiare lungo la strada suonando un organetto.

Arrivato a Stradella l’organetto… si rompe – roba che neanche il libro Cuore! – Mariano chiede di aiutarlo ad aggiustarlo, ma nessuno se lo fila. Allora ci prova lui, accrocca una cosa con tasti vari, molle, mantici usati e… inventa la fisarmonica! Dopodiché comincia a produrle, diventa ricco e famoso ed è chiamato in pompa magna all’EXPO di Parigi del 1900, per ricevere un premio.

Negli anni seguenti Stradella è la capitale mondiale della fisarmonica: su 10.000 abitanti 1200 lavorano nelle varie fabbriche di questo strumento. Poi arriva il rock, fine della fisarmonica. A Stradella resta la fabbrica Dallapè, che ha funzionato fino a qualche anno fa ed ora è un meraviglioso esempio di archeologia industriale, ma soprattutto c’è un interessante Museo della Fisarmonica, dove si capisce come si costruiscono questi strumenti e dove c’è una raccolta di esemplari molto belli, prima fra tutti la capostipite di Dallapè, del 1876.

Patrizio Roversi

Visita il sito di Dallape

Visita il sito del G.A.L. Oltrepò Pavese

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi