Esplora Menu Search Cerca

VéloAfrica: decima settimana di viaggio

Daniele ha raggiunto Salamanca, fra paesaggi naturali bellissimi e cittadine Patrimonio UNESCO

Lascia un commento

VéloAfrica, il viaggio di Daniele Vallet e Frida, continua verso Santiago de Compostela, una deviazione di percorso resa necessaria dalla temporanea chiusura della frontiera marocchina… 

Durante questa settimana, Daniele ha incontrato diversi spagnoli sul cammino: alcuni hanno un po’ criticato il suo viaggio di solidarietà e sostenibilità, ma altri, tra cui la Guardia Civil, hanno compreso il duplice scopo del suo spostamento proprio in questo periodo e lo hanno incoraggiato augurandogli un “Buen Camino!”.

Daniele e Frida verso Mérida
Daniele e Frida verso Mérida

Quanto alle tappe, negli ultimi sette giorni Daniele ha lasciato Monesterio, ha attraversato in bici delle colline coloratissime per arrivare a Villafranca de los Barros, Mérida e Cáceres, ha attraversato prati verdissimi e in fiore per raggiungere Carcaboso e ha fatto tappa a Bejar fino a raggiungere la meta, Salamanca.

Villafranca de los Barros è una cittadina situata a 410 metri slm circondata da un paesaggio unico: una sconfinata pianura rossastra intervallata da un reticolo di vigneti e ulivi che si diramano come dei nuclei urbani.  Purtroppo qui Daniele ha solamente pernottato ed è subito ripartito alla scoperta di Mérida.

Mérida è un’altra città spagnola iscritta nell’elenco del Patrimonio Mondiale in cui si riesce a vivere l’atmosfera dell’epoca romana per la presenza di un complesso monumentale romano tra i meglio conservati al mondo. Una ricchezza da non sottovalutare! E si può visitare anche il Museo Nazionale di Arte Romana. Una città dal fascino unico che riesce a fondere gli antichi resti romani con una pianta moderna, ad esempio il Tempio di Diana si trova nella zona limitrofa alla via più commerciale, uno dei pochi edifici ancora nella sua posizione originale da ammirare in tutto il suo splendore.

Proseguendo il viaggio, Daniele e la sua inseparabile compagna a pedali Frida raggiungono Cáceres, Patrimonio dell’UNESCO dal 1986 per lo stato di conservazione perfetto di vie, piazze, palazzi e mura che mostrano fin da subito la fusione delle tre culture che hanno segnato la città: cristiana, musulmana ed ebraica. Càceres è famosa anche per il suo patrimonio naturale: è una delle città con la più vasta area paesaggistica di Spagna e il territorio comunale presenta diverse Zone di Protezione Speciale per gli Uccelli (ZEPA), ad esempio è un ritrovo di nidificazione per il Lesser Kestrel (o Falco Naumanni), un piccolo rapace che di solito vive in comunità.

Un’altra città tappa del Camino de la Plata che ha attraversato da Daniele è Carcaboso. Qui i primi riferimenti agli insediamenti umani più ancestrali sono delle tombe megalitiche nel Cerro de Triquiñuelo. La città è famosa anche per i suoi Jardines Comestibles (giardini commestibili), ovvero degli spazi pubblici dove si condivide la responsabilità di prendersi cura degli orti e dove ognuno può raccogliere ciò di cui ha bisogno. Un bellissimo progetto di sensibilizzazione e condivisione!

Daniele poi passa per Béjar, fino a raggiungere Salamanca.

Salamanca è un gioiello del turismo spagnolo, un altro Patrimonio dell’umanità UNESCO, stavolta dal 1988. Si trova nella regione di Castilla y León ed è una città dal grande patrimonio paesaggistico, gastronomico e culturale, conosciuta per la più antica Università di Spagna, fondata nel 1218. Un luogo caratteristico che ne mette in risalto l’animo giovanile è sicuramente Plaza Mayor attorno alla quale ruota la vita della città. Senza contare che si tratta di uno dei monumenti barocchi più importanti, dichiarato nel 1935 Monumento Nazionale perché fra tutte le piazze spagnole della sua epoca, è quella più decorata, proporzionata e armonica.

Altri luoghi da visitare a Salamanca sono la Cattedrale Vecchia di Santa Maria, la Cattedrale di Santa Maria dell’Assedio (conosciuta come la Cattedrale Nuova), la Casa de Las Conchas e, in particolare, il Museo dell’Art Nuveau e dell’Art Deco con sede a Casa Lis: un museo dedicato alle arti decorative, cioè tutte quelle opere create con un uso pratico, ma dal valore ornamentale come  mobili, vetri dipinti e gioielli (vedi i gioielli di Masriera o un uovo del famoso gioielliere russo Fabergé). Insomma, Salamanca è piena di storie da scoprire e approfondire!

Un saluto da Daniele
Un saluto da Daniele

Continueremo a seguire Daniele con un resoconto periodico del suo diario di viaggio, nel frattempo seguitelo quotidianamente direttamente sul suo profilo Instagram e sui canali social di Italia Slow Tour! A questo link come sempre possiamo contribuire al crowdfunding per sostenere il progetto solidale di VéloAfrica.

La settimana in numeri

TappaDataDaAKm Altitudine
5006/04/2021MonesterioVillafranca de los Barros60 km410 mslm
5107/04/2021Villafranca de los BarrosMérida44 km217 mslm
5208/04/2021MéridaCáceres 459 mslm
5309/04/2021CáceresCarcaboso81 km297 mslm
5410/04/2021CarcabosoBéjar71 km953 mslm
5512/04/2021BéjarSalamanca71802 mslm

Lucrezia C. Nalin


Logo regione Valle d'Aosta
In collaborazione con la Regione Valle d’Aosta

Italia Slow Tour

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi