Esplora Menu Search Cerca

VeloEuropa: Daniele alla scoperta della Normandia

Tra Patrimoni Unesco e il Memoriale dello sbarco in Normandia

Lascia un commento

Daniele e la sua inseparabile bicicletta Frida proseguono il viaggio “VeloEuropa” in direzione Capo Nord sugli Itinerari cicloturistici Eurovelo. Questa settimana partendo da Rennes hanno fatto tappa a Saint Malo, Le Mont Saint Michel, Caen, Le Havre, Étretat fino a raggiungere Le Tréport.

Le Mont Saint Michel
Le Mont Saint Michel

Da Rennes Daniele ha percorso la caratteristica pista ciclabile che costeggia i canali navigabili della zona fino ad arrivare a Saint Malo e subito dopo a Le Mont Saint Michel. Saint Malo, nata come città corsara, oggi è una famosa località balneare. Dopo la sua distruzione nell’agosto del 1944, fu ricostruita identica a com’era prima! Daniele ci ha raccontato che la passeggiata dei bastioni offre una spettacolare vista del mare, del Forte National costruito nel 1689 a nord dei bastioni della città, raggiungibile solo a piedi durante la bassa marea, e degli altri edifici caratteristici. Chiacchierando coi cittadini, è venuto anche a sapere che ogni quattro anni la città accoglie la partenza della Rotta del Rhum, una famosa regata transatlantica in solitario nata nel 1978, che collega Saint-Malo a Pointe-à-Pitre in Guadalupa.

Mentre Le Mont Saint Michel, nella regione della Bassa Normandia, è una località conosciuta in tutto il mondo come “La meraviglia dell’Occidente”. Si tratta di un isolotto roccioso classificato dal 1979 Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO. La località è famosa non solo per il fascino del suo borgo e l’imponente Abbazia, ma anche per essere il centro delle più grandi maree europee. Le maree della baia hanno reso la città inespugnabile, rendendo accessibile la località via terra (con la bassa marea) o via mare (con l’alta marea).

Continuando a pedalare, Daniele e Frida visitano prima Caen per poi proseguire verso Le Havre.

Caen, capoluogo della bassa Normandia, fu quasi totalmente distrutta dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Per scoprire come fosse questa località prima della guerra si deve passeggiare vicino a rue du Vaugeux (dove si possono ammirare le case a graticcio) o a rue Écuyère con i suoi antiquari e la sua atmosfera retrò. Questa località è famosa per la sua pietra che riveste molti monumenti non solo nella cittadina, ma in giro per il mondo: è stata utilizzata a Londra sull’Abbazia di Westminster, la Torre di Londra e il Tower Bridge, addirittura all’interno della Casa Bianca a Washington e nel Memoriale dello sbarco in Normandia, uno dei musei più completi con diverse sezioni multimediali e teatrali che celebra la pace!

La settimana si conclude imboccando l’Itinerario Ciclistico Eurovelo 4 Itinerario dell’Europa Centrale – con la visita a Étretat e Le Tréport.

Le Tréport è una delle città marinare della Costa d’Alabastro. Questa località è famosa per la sua lunga spiaggia in sassi ai piedi delle scogliere in gesso. Un metodo alternativo per entrare in città è sicuramente la funicolare che attraversa una galleria scavata all’interno di una falesia. La città si divide nella parte nuova e nella parte antica (la “vieux Tréport”) da cui si può ammirare la città e dove si può visitare la Chiesa Saint-Jaques, un piccolo capolavoro gotico, costruito verso la fine del XII secolo sulla strada che i pellegrini percorrono per Santiago de Compostela.

Come sempre continuiamo a seguire Daniele Vallet col resoconto periodico del suo diario di viaggio, per aggiornamenti quotidiani on the road c’è il suo profilo Instagram e anche il nostro di Italia Slow Tour! In attesa di riprendere il filo con la parte africana del progetto solidale, a questo link come sempre possiamo contribuire al crowdfunding per sostenerlo.

Un saluto da Daniele
Un saluto da Daniele

LA SETTIMANA IN NUMERI

TappaDataDaAKm
491/06/2021RennesSaint Malo73 km
502/06/2021Saint MaloLe Mont Saint Michel47 km
513/06/2021Le Mont Saint MichelCaen131 km
525/06/2021CaenLe Havre82 km
536/06/2021Le HavreÉtretat29 km
547/06/2021ÉtretatLe Tréport106 km

Lucrezia C. Nalin


Logo regione Valle d'Aosta
In collaborazione con la regione Valle d’Aosta

Italia Slow Tour

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi