Esplora Menu Search Cerca

Castel del Monte, un luogo unico

Più che una bellissima fortezza, è Patrimonio mondiale dell’UNESCO vicino a Trani

/
Lascia un commento

Castel  del Monte dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco è un posto assai speciale. Si arriva fino alla base della collina, dove si deve lasciare l’auto, poi con lo stesso prezzo del parcheggio si prende l’autobus-navetta che ti porta in cima. Non si fa appunto nessuna fatica, ma ugualmente all’arrivo ti viene l’affanno, perché la vista del Castello è emozionante. Si staglia sul cielo, con le sue forme strane. E davanti ha tutta la pianura del Tavoliere, con in fondo l’ombra del Gargano: un panorama mozzafiato (anzi, puzzafiato se come noi avete mangiato orecchiette con l’aglio).

La prima cosa che ti colpisce, ancora una volta, è il colore: è fatto di calcare, marmo bianco e breccia corallina. Poi la forma: la fa da padrone l’ottagono. Infatti la pianta delle mura è ottagonale. A ogni spigolo corrisponde una torretta, a sua volta ottagonale. Ottagonale è anche la pianta del cortile interno, dove pare ci fosse una fontana… ottagonale. I capitelli sono ornati da otto foglie di acanto, pianta  legata ai luoghi sacri. La porta è orientata secondo il sorgere del sole, in modo che  l’8 aprile e l’8 ottobre il sole che entra colpisca un determinato bassorilievo del cortile. E poi – sorpresa! – una volta arrivati all’ultima camera non si può proseguire e concludere il giro ma, proprio come il moto apparente del sole che al solstizio sembra “tornare indietro”, bisogna tornare sui propri passi. E via ottimizzando, di otto in otto.

Ma perché tutto questo ottimismo? E a cosa serviva questa strana fortezza-non-fortezza, questo palazzo-non-palazzo? Perché le scale a chiocciola che portano al secondo piano hanno 44 gradini, e la colonna in cui sono incastrati ha un diametro di 22 centimetri? E chi era questo Federico II che costruiva castelli di qua e di là come se fossero villette a schiera, e si divertiva a riempirli di segni e simboli?

Piacere di conoscerti, Federico II

Federico II era essenzialmente un Turistapercaso, cioè era uno che viaggiava molto, forse troppo. Aveva un sacco di regni in cui apriva seconde case: dalla Germania alla Puglia fino alla Sicilia, passando per la Terra Santa. Rimasto orfano a 4 anni, è stato un bimbo molto abbandonato ma molto ricercato: tutti lo volevano adottare, perché era il nipote del Barbarossa. Morale: ha cambiato spesso protettori e quindi precettori. Ne ha avuti di tutti i tipi, un Papa e anche un Imam.

Poi ha avuto una vita piena di contraddizioni: all’inizio è stato protetto dalla Chiesa, ma poi è stato scomunicato più di una volta, addirittura lo hanno accusato di eresia, di epicureismo, è stato definito l’Anticristo.

In realtà era un eclettico molto curioso e credeva nella Ragione, più che in una Religione. Infatti, quando – dopo avere a lungo tergiversato – nle 1227 è finalmente partito per la Terrasanta alla testa di una Crociata, invece di combattere ha fatto amicizia col Sultano Al Malik, e anche col re d’Egitto e per aver vinto senza spargimento di sangue è stato scomunicato con ignominia dal bellicosissimo Papa Gregorio XI.

Con la scusa che doveva badare a tutti i suoi regni così diversi e lontani ha imparato molte lingue, ha sapientemente contaminato il volgare siculo col provenzale, ha fatto tradurre un sacco di testi dall’Arabo, ha importato in Italia il Gotico tedesco e l’ha perfezionato con l’architettura orientale. Ha scritto un trattato di falconeria perché era un naturalista, ha inventato lo zoo (a Palermo) e il sonetto, ha fondato l’Università di Napoli e la Scuola di Medicina di Salerno, era amico del filosofo Scoto, del matematico Fibonacci, dell’astrologo Bonatti, del tuttologo arabo Teodoro e dell’enciclopedico ebreo Cohen.

Insomma, bazzicava  l’algebra, la filosofia, la medicina, il diritto, l’architettura, la linguistica, la biologia, l’astronomia e le scienze. Il tutto in salsa poliglotta e multiculturale. Per forza che era antipatico ai Papi!

Ascolta le vecchie mura

Quindi Castel del Monte è la sintesi di tutte le sue sfaccettature culturali, è un Palazzo che racconta, è una architettura che serve per comunicare. Ma cosa dice? La forma generale dell’edificio è una corona, quindi racconta la potenza di chi l’ha costruito infatti è il castello corona che sta sulla testa dell’iconografia dell’Italia.

L’ombra del castello, nei vari momenti dell’anno, segna una sorta di orologio astrale. Il cortile centrale ha la forma del pozzo, e simboleggia dunque la conoscenza. Le 5 cisterne dell’acqua, che corrispondono perfettamente ai 5 camini, simboleggiano l’unione fra acqua e fuoco. Il percorso nelle varie sale è il simbolo di un processo di conoscenza. E infine l’ottagono sta tra il quadrato (che rappresenta la terra) e il cerchio (che rappresenta il cielo): quindi significa l’unione di terra e cielo. Eccetera… Ecco perché non è né un Palazzo dove si potesse abitare né tantomeno una fortezza: Castel del Monte è un Tempio al Sapere, costruito da un grande viaggiatore molto curioso.

Ma il rapporto fra Federico-l’Imperatore e Federico-il-turista non finisce qui. Purtroppo infatti Federico II finì la sua vita per colpa di una crisi (mortale) di tipica diarrea del turista: è morto nel 1250, a 56 anni, di dissenteria, mentre si trovava a Castel Fiorentino. E pensare che un astrologo glielo aveva predetto: “Morirai sub flore!”, morirai in un luogo chiamato fiore: Federico infatti non era mai andato a Firenze (Florentia), ma ha finito per inciampare in un paesino di cui ignorava il nome…

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi