Esplora Menu Search Cerca
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Patrizio Roversi presenta: Slow Tour Padano

Un viaggio nella Pianura Padana, dal 29/11 su Rete 4

Lascia un commento

Slow Tour Padano è il nuovo programma di Patrizio Roversi in onda dal 29 Novembre alle 14.15 su RETE 4: un giro per la Pianura Padana, da Milano al Delta del Po, a bordo di una Guzzi Astore d’epoca, un po’ moto e un po’ trattore, come quella con cui andava in giro per Gualtieri Antonio Ligabue!

Un viaggio in sei puntate per raccontare il territorio, l’agricoltura e i prodotti dal punto di vista dei consumatori: da dove viene quello che mangiamo? Chi lo produce? E come si collega l’agricoltura a tutti gli altri grandi temi? Il cibo e il territorio sono un punto di partenza, uno snodo per andare in tante direzioni. Come il calice di una margherita che fa da corolla/corollario a tanti petali/argomenti diversi: ambiente, paesaggio, linguaggio, storia, gastronomia, salute, economia, ecologia, turismo. Per riempire di significato concreto e di esempi reali parole fin troppo abusate come «biodiversità», «tipicità», «territorio».

L’itinerario

Si parte da Milano, attraverso il Parco del Ticino, le province di Pavia e Mantova in Lombardia; di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Modena in Emilia; fino al Delta del Po fra Ferrara e Rovigo, in Veneto.

Patrizio Roversi viaggia su un mezzo di trasporto che rappresenta il «segno» di questo viaggio: una Moto Guzzi 500 Astore del 1949, un simbolo legato alla tradizione del Motore nella pianura. Dalla figura del metalmezzadro (agricoltore, ma anche operaio) alla Motor Valley, dai trattori alle industrie di automobili e moto tra le più prestigiose del mondo. Moto che, per l’occasione, è dotata di due «borse laterali gialle» dove il conduttore ripone lungo la strada i beni materiali e immateriali dello slow tour padano.

I complici

Il viaggio è realizzato insieme a Grana Padano, un simbolo di questo territorio, che ha sposato appieno l’idea di raccontare sia la sua storia che le sue prospettive per il futuro. Dai valori del prodotto nel tessuto sociale, culturale ed economico, all’innovazione e alla sostenibilità.

Ma altri importanti simboli di queste zone hanno aderito con entusiasmo al racconto: il Prosciutto di Parma DOP che con la sua qualità è certificato e valorizzato in tutto il mondo, l’Aceto Balsamico di Modena IGP, uno degli ambasciatori dell’eccellenza enogastronomica italiana a livello mondiale, e Selenella, con il Consorzio Patata Italiana di Qualità.

Italia Slow Tour

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi